Referral Marketing, il marketing del passaparola | Il metodo BNI

‘Chi smette di far pubblicità per risparmiare soldi, è come se fermasse l’orologio per risparmiare tempo’ H. Ford
SEGUICI SUI SOCIAL
TOP
Referral Marketing, il marketing del passaparola | Il metodo BNI
16086
post-template-default,single,single-post,postid-16086,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,awake-ver-1.1,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,eltd-default-style,eltd-fade-push-text-top,eltd-header-centered,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-menu-item-first-level-bg-color,eltd-dropdown-slide-from-left,eltd-dark-header,eltd-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Referral Marketing il marketing del passaparola

Studio grafico e creativo Lecco LA DE.sign / Uncategorized  / Referral Marketing il marketing del passaparola

Referral Marketing il marketing del passaparola

Fare network può essere importante per sviluppare il proprio business: grazie al passaparola e allo scambio di referenze, gli affari possono decollare. Ecco come funziona il «Referral Marketing»

Fare rete, fare rete e fare rete. Negli ultimi anni sembra essere un mantra e ormai, bene o male, tutti sembrano essersene resi conto.

Sì, creare un network funziona: migliora la collaborazione e allenta l’ansia da prestazione.

Esistono gruppi che si incontrano, che si scambiano idee e competenze.

Una grande organizzazione come BNI ha fatto per esempio del «Givers Gain» (chi dà riceve) la sua linea guida:

i membri, professionisti e imprenditori, si incontrano ogni settimana per aiutarsi reciprocamente.

 

Non è un’azione benefica, dietro c’è comunque sempre un’idea di business:

«I nostri membri che fanno networking in modo strutturato hanno scambiato 9,8 milioni di referenze che hanno generato un business di oltre 13 miliardi di euro.

Si costruiscono relazioni professionali a lungo termine che si basano sui concetti di fiducia e reciprocità e che hanno come obiettivo l’aumento del giro di affari», spiega Paolo Mariola, direttore nazionale BNI Italia.

Ma si guadagna solo nel giro d’affari o si viene proprio pagati?

«I membri non guadagnano nulla dal passaggio della referenza a un collega. Il vero guadagno sta nell’opportunità che il collega cui si passa la referenza, non appena si presenterà l’occasione, troverà opportunità di business a sua volta per chi gli ha passato la referenza, contribuendo così a innescare un circolo virtuoso.

Come ci si iscrive e che impegno è richiesto?

«I membri pagano una quota annuale per partecipare a oltre 45 incontri di networking all’anno con altri imprenditori e professionisti, in un ambiente privo di concorrenza diretta (ricordiamo che una delle caratteristiche principali di BNI è che all’interno di ogni gruppo è ammesso un solo rappresentante per categoria professionale) e orientato alle relazioni professionali di qualità.

La costruzione delle relazioni», precisa Paolo Mariola, «va oltre i 90 minuti dell’incontro: è un processo che per essere efficace richiede da parte dei membri impegno anche al di fuori dell’organizzazione e per questo, nella quota di iscrizione, è inclusa anche una formazione apposita per agevolare la costruzione delle relazioni».

Lo chiamano anche «Referral Marketing», una sorta di marketing del passaparola: si amplia il business scambiandosi referenze, condividendo competenze.

 

Articolo di Vanity Fair
https://www.vanityfair.it/mybusiness/network/2018/09/18/givers-gain-dare-ricevere-bni-referral-marketing-fare-network

 

Lo studio La DE.sign è PROUD MEMBER BNI

del Capitolo Valsassina e Capitolo Manzoni di Lecco

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie tecnici e cookie analitici di terza parte. Continuando con la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Cookie policy